Cenni storici

In Piazza XXXI Martiri, sulla sinistra vi è Palazzo Valentino, alla destra invece vi è il Duomo.

Palazzo Valentino, è stato sede del vecchio Municipio. L'edificio a tre piani fuori terra più un piano interrato , Sul finire del '700 il vecchio palazzo minacciava di rovinare e il consiglio decise di affidare una perizia all'architetto Alessandrino Giuseppe Caselli, che consigliò di demolirlo e rifabbricarlo., i lavori vennero affidati a Vincenzo Lombardo e la prima pietra fu posta dal governatore di Valenza Cavalier Robbio, nell'aprile del 1799 il palazzo era terminato. Il consiglio comunale del tempo, in relazione alle scarse finanze locali, ne commissionò i lavori in economia. Di nuovo pericolante agli inizi del 1960, l'amministrazione comunale incaricò l'architetto valenzano Pier Massimo Stanchi della nuova ristrutturazione dell'edificio.

Venne quindi nuovamente e completamente ristrutturato negli anni sessanta , congiungendo le parti del vecchio comune con una nuova struttura architettonica , sorgente sul sedime del vecchio cortile , secondo una soluzione intelligente e audace.

Al piano terra si trovano:Il posto delle storie, L'Ufficio Relazioni col Pubblico, Informagiovani e Turismo, lo spazio lettura giornali e la piazzetta per gli eventi; al primo piano la sala conferenze e proiezioni e l'archivio storico della città; al secondo piano la biblioteca civica.

Dopo ancora qualche lavoro di rifacimento, Palazzo Valentino diventò la sed della Biblioteca che fu inaugurata nel 1976, ma esisteva già dal 1962 ed era collocata nei vecchi locali dell'Istituto Tecnico Commerciale "Carlo Noè" .

In primo piano

Gruppo di lettura

Il posto delle storie

Nuovi arrivi

Sezione video

Attività culturali

News